18 dicembre 2017

Importante progetto per gli orfani in Camerun

progetto_cmrIl Console Onorario della Repubblica del Camerun in Toscana, Avv. Ildo Morelli,  ha stipulato di recente un accordo con l’Ordine dei Cavalieri di Malta di San Giovanni da Gerusalemme e con le aziende italiane ECOSUNTEK Spa e IES Srl per avviare gli studi di fattibilità per un importante progetto, che inizialmente prevede la costruzione di tre villaggi energeticamente autosufficienti, situati in zone rurali e disagiate del CAMERUN, con la organizzazione di strutture di accoglienza e di assistenza per bambini orfani, ma anche la realizzazione di  scuole, centri per la formazione professionale, strutture sanitarie ben attrezzate, nonché centri di cultura e impianti per lo sport e il tempo libero.
Successivamente il progetto sarà duplicato in altre località di tutte le Regioni del Camerun, che saranno via via selezionate. La tecnologia impiegata da ECOSUNTEK e IES é una tecnologia innovativa veramente straordinaria, che, ricavando l’energia elettrica dai pannelli solari (oltre che da pale eoliche) e sfruttando l’acqua ricavata dalla umidità atmosferica e dal recupero dell’acqua piovana, permette di avere strutture abitative dotate in modo permanente di energia elettrica e di acqua corrente senza collegamento alla rete elettrica e alle condutture dell’acqua. Siffatte strutture possono essere  installate quindi anche in zone desertiche e nei villaggi sprovvisti di rete elettrica e di acquedotto.

progetto_cmr2_okAlla fine del 2014, nella sede del Consolato del Camerun a Firenze si é tenuto un incontro con i massimi rappresentanti dell’Ordine dei Cavalieri di Malta di San Giovanni da Gerusalemme e con i responsabili del gruppo Ecosuntek, e sono state gettate le basi per la realizzazione immediata del progetto. Subito dopo i rappresentanti del gruppo Ecosuntek hanno concluso un accordo con l’azienda KPS Advising Srl, la quale è stata identificata come azienda di riferimento per il coordinamento delle opere da realizzare.
Il progetto si prefigge di contribuire concretamente alla lotta contro la povertà, avendo come scopo primario il miglioramento delle condizioni di vita dei bambini orfani – che, secondo un recente rapporto dell’UNICEF, in Camerun sono circa 1.300.000 -, ma anche delle donne in difficoltà e, in generale,  delle famiglie più disagiate.

Ciascuno dei villaggi in progetto  sarà dotato di impianto fotovoltaico per l’energia elettrica e di sistemi di potabilizzazione delle acque e smaltimento delle acque reflue.  Grazie al piano di elettrificazione, il beneficio diretto andrà a ben 2.000 persone e indirettamente ne trarranno giovamento altre 2.000, eliminando le difficoltà legate alla carenza di energia elettrica e alle precarie condizioni del settore sanitario e del settore scolastico,  con conseguente innalzamento del livello di qualità della vita. Il progetto dovrebbe essere completato entro 24 mesi dalla installazione dei cantieri e richiederà un importante investimento, complessivamente stimato in 30 milioni di euro, che sarà supportato dal Sovrano Ordine dei Cavalieri di Malta di San Giovanni da Gerusalemme. Inutile dire che il progetto è stato accolto con entusiasmo dalle comunità interessate e sarà realizzato velocemente, in pieno accordo con le istituzioni locali.

Lascia il tuo commento

*